lunedì 4 giugno 2012

Le parole, ad esempio

"Con un uomo che mi parlasse di pisellini e patatine potrei al massimo andarci a cena", dice Estrella Marina. Io neanche quello, figurati un po'. Contro il logorìo del sesso benpensante e benpensato, andate a leggerla. E beccatevi questo:
Er cazzo se po di' radica, ucello,
Cicio, nerbo, tortore, pennarolo,
Pezzo-de-carne, manico, cetrolo,
Asperge, cucuzzola e stennarello.

Cavicchio, canaletto e chiavistello,
Er gionco, er guercio, er mio, nerchia, pirolo,
Attaccapanni, moccolo, bruggnolo,
Inguilla, torciorello e manganello.

Zeppa e batocco, cavola e tturaccio,
E maritozzo, e cannella, e ppipino,
E ssalame, e ssarciccia, e ssanguinaccio.

Poi scafa, canocchiale, arma, bambino.
Poi torzo, crescimmano, catenaccio,
Minnola, e mi'-fratello-piccinino.

E tte lascio perzino,
Ch'er mi' dottore lo chiama cotale,
Fallo, asta, verga e membro naturale.

Quer vecchio de spezziale
Dice Priapo; e la su' moje pene,
Segno per dio che nun je torna bene.

(Giuseppe Gioachino Belli, Er padre de li santi)

10 commenti:

  1. Non posso nemmeno chiederti di pagarmi le royalties in natura, mannaggia..:-)))

    RispondiElimina
  2. Solo perché sicuramente siamo lontani. ;-)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. O noi siamo ancora molto indietro...

      Elimina
  4. Bellissima questa scena, bella la poesia e anche il film. Ero una bimbetta quando uscì ma mi colpì tanto. Ciao Milk :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stesso dico anch'io. Ciao Sara.

      Elimina
  5. ma non gliel'hanno mai dato al belli un nobel per la letteratura?
    nemmeno un premiuccio da bancarella di quelli che tirano su ogni tanto per autovenerarsi?
    ingiuste teste di cazzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teste di cazzo, appunto, ma ingiuste.

      Elimina